Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Le Religioni nello spazio pubblico

Contributo per una società pacifica

Pubblicazione:  30 gennaio 2017
Edizione:  1
Pagine:  72
Collana:  P9 Lampi
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
Altri autori:  Tradotto da Eleonora Montagner  -  Preparato per la pubblicazione da Valeria Riguzzi
EAN:  9788810962893 9788810962893
descrizione
In che modo le religioni, nella loro varietà, possono partecipare alla scena pubblica e al dialogo civile in un contesto attraversato da tensioni fondamentaliste e da degenerazioni terroristiche? Secondo il filosofo Jean-Marc Ferry è necessario che le religioni riescano a passare dall’«uso privato» all’«uso pubblico» delle loro ragioni, da uno stile dogmatico a uno stile critico. In altri termini, che si secolarizzino pur senza rinunciare alle loro convinzioni traducendo, per lo spazio pubblico, il linguaggio religioso in linguaggio secolare e profano e interiorizzando la differenza tra certezza e verità.
sommario
Introduzione.  I. Il dilemma della secolarizzazione religiosa.  II. Strutturare lo spazio europeo.  III. La mediazione giuridica.  IV. La critica della condivisione repubblicana. V. Ragione pubblica e logos religioso.  VI. Il «pluralismo religioso» e il rischio del relativismo.  VII. Il rapporto con la credenza degli altri.  VIII. Per uscire dal relativismo.
note sull'autore
Jean-Marc Ferry, filosofo francese, insegna Scienze Politiche e Filosofia all’Università Libera di Bruxelles e Filosofia dell’Europa all’Università di Nantes. È autore di volumi che spaziano dalla filosofia della comunicazione alla filosofia politica. In italiano sono apparsi da Medusa L'etica ricostruttiva (2006) e Le grammatiche dell’intelligenza (2008). Autore della principale traduzione francese di Teoria dell’agire comunicativo di Jürgen Habermas, nel 1995 ha ricevuto dall’Académie française il Premio La Bruyère per l’insieme della sua opera.