Avete qualcosa da mangiare?» («)

Un pasto, il Risorto, la comunità

Pubblicazione:  settembre 2019
Edizione:  1
Pagine:  296
Collana:  B15 Biblioteca di teologia dell'evangelizzazione
Formato:  170x240x15 (mm)
Confezione:  e-book
 PDF  - Filigrana digitale
EAN:  9788810961155 9788810961155
Ultima ristampa:  1 novembre 2006
€ 23,99

non acquistabile
Descrizione
Il capitolo 21, posto a chiusura del Vangelo di Giovanni, è un testo straordinariamente ricco che racconta il manifestarsi del Risorto ai suoi. Si articola in due sezioni che descrivono, la prima, un’azione composita fatta di una pesca e di un pasto e, la seconda, un dialogo che colloca in primo piano la relazione di Gesù con Pietro e il discepolo amato. Lo studio muove dal convincimento, ormai largamente avvalorato dalla critica biblica, che si tratti di un capitolo inserito nel Vangelo a posteriori, ma con una precisa intenzionalità, e quindi affatto estraneo al telaio preesistente. L’obiettivo che l’autore si pone è precisare l’intenzione redazionale soggiacente a Gv 21, mettendo in luce il disegno impresso dal redattore al suo materiale e indagando la sistematica rilettura da lui offerta di motivi e passi dei capitoli precedenti. Il brano «mostra un evidente interesse missionario e pertanto risulta centrale nella prospettiva di una riflessione sugli aspetti fondativi dell’annuncio del vangelo: non solo dal punto di vista del suo contenuto, ma anche per il suo approccio al patrimonio giovanneo preesistente e come esempio di dialogo inter-ecclesiale – e dunque potenzialmente ecumenico – a motivo dell’articolato rapporto tra Pietro e il discepolo che Gesù amava, rappresentanti di comunità cristiane diverse che anziché a un conflitto approdano a una comunione, capace di salvaguardare identità e diversità» (dall’Introduzione).
Sommario
Introduzione.  1. Origine e significato della terminologia del «manifestarsi» in Gv 21.  2. Gv 21 come composizione letteraria unificata.  3. La manifestazione del Risorto mediata dalla missione e dell’eucaristia.  4. Pietro e il discepolo che Gesù amava nella terza manifestazione del Risorto.  5. La terza manifestazione del Risorto ai discepoli (c. 21) come rilettura della manifestazione del messia a Israele (1,19-2,12).  6. Manifestazione, discepolato, missione.  Bibliografia.  Indici.
Note sull'autore
MAURIZIO MARCHESELLI (1961) dal 1986 è presbitero della Chiesa di Bologna. Si è laureato in Sacra Scrittura al Pontificio Istituto Biblico nell’aprile del 2004. Dal 1992 è docente di Nuovo Testamento a Bologna, presso la Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna, già Studio Teologico Accademico Bolognese. Insegna Nuovo Testamento anche presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose «Ss. Vitale e Agricola».