La Trinità di Masaccio

Arte e teologia

Pubblicazione:  1 giugno 2004
Edizione:  1
Pagine:  256
Peso:  476 (gr)
Collana:  H5 Momenti della Chiesa italiana
Formato:  150x210
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810928127 9788810928127
€ 31,10 € 26,44
Sconto:  15%
Risparmi: € 4,66 ogni copia
Descrizione
Nella consapevolezza che per la tradizione cristiana le opere d’arte sono fontes theologiae e non soltanto ornamenta ecclesiae, da alcuni anni nella Facoltà teologica di Firenze si è costituito un gruppo di ricerca intenzionato a percorrere il mosso e frastagliato crinale fra l’esperienza teologica e l’esperienza artistica. Il gruppo ha deciso di focalizzare l’attenzione su un’opera concreta che, oltre all’altissimo livello estetico e all’evidente importanza storica, fosse anche teologicamente carica di significato: l’affresco di Masaccio raffigurante la Trinità con Maria, Giovanni e donatori nella basilica di Santa Maria Novella a Firenze. Nel raffigurare la Trinità, Masaccio osa rappresentare il mistero di Dio, così come il dogma fondamentale della dottrina cristiana lo aveva definito: uno e trino. Egli, guidato nella sua opera dai maestri di teologia residenti nell’attiguo convento, crea un capolavoro che nasce dentro una comunità civile cristiana e ad essa è destinato. Studiata finora esclusivamente dagli storici dell’arte, la Trinità di Masaccio diviene quindi nel volume oggetto d’indagine da parte dei teologi, nella convinzione che un intreccio tra le riflessioni degli esperti di entrambe le discipline potrà arricchire la comprensione del capolavoro e portare un contributo nuovo sia al cammino della teologia che a quello della storia dell’arte.
Sommario
Introduzione (S. Dianich – T. Verdon).  IL CONTESTO.  Università e cenacoli culturali a Firenze tra fine Trecento e primo Quattrocento (G.C. Garfagnini).  Il movimento spirituale a Firenze nella prima metà del Quattrocento (P. Giannoni).  PROSPETTIVE TEOLOGICHE.  I cieli squarciati. Un approccio biblico alla Trinità di Masaccio (R. Filippini).  Dire/raffigurare il Dio trino. Riflessione in margine alla Trinità di Masaccio (A. Pellegrini).  PROSPETTIVE STORICHE.  L’Amore, la famiglia e la città. La Trinità di Masaccio in contesto (T. Verdon).  Imago humilis (F. Saracino).  «Io fu[i] g[i]a quel che voi s[i]ete...». Immagini della morte nella Trinità di Masaccio (G. Cioli).  UNA RIFLESSIONE ERMENEUTICA.  Guardare la Trinità di Masaccio dopo la cesura del Novecento (E.M. Vannoni).  La Trinità di Masaccio in Santa Maria Novella. La fruizione dell’opera (S. Dianich).
Note sull'autore
SEVERINO DIANICH è ordinario di ecclesiologia presso la Facoltà teologica dell’Italia centrale e vicario episcopale per la cultura e l’università della diocesi di Pisa. È autore di numerosi saggi e articoli in riviste scientifiche e di grande divulgazione.TIMOTHY VERDON, statunitense (nato in New Jersey nel 1946), è uno storico dell’arte formatosi alla Yale University. Vive in Italia da trent’anni e dal 1994 è sacerdote a Firenze, dove dirige l’Ufficio diocesano per la catechesi attraverso l’arte. Coordinatore di convegni internazionali su argomenti relativi all’arte sacra e autore di libri e articoli in inglese e in italiano, è consultore della Pontificia commissione per i beni culturali della Chiesa, Fellow del Harvard University Center for Renaissance Studies, docente presso la Stanford University e la Facoltà teologica dell’Italia centrale.