Sviluppo dell’affettività e cultura del «genere»

Pubblicazione:  7 marzo 2016
Edizione:  1
Pagine:  160
Peso:  230 (gr)
Collana:  P2 Persona e psiche
Formato:  140x210x10 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810809686 9788810809686
Ultima ristampa:  13 giugno 2016
€ 15,00 € 12,75
Sconto:  15%
Risparmi: € 2,25 ogni copia
descrizione
Educazione di genere e identità di genere sono espressioni che stanno entrando nell’uso comune. Ma di quale genere si parla? E come coinvolge l’identità della persona e l’educazione all’affettività? Quale significato può assumere in relazione alla sessualità umana? Si tratta di una scelta? Oggi la corrente culturale del gender contesta alcuni stereotipi sociali connessi con il genere maschile e femminile e sostiene la legittimità di altri generi, che rappresentano delle varianti e possono essere connessi a condizioni particolari dal punto di vista biologico o psicologico. Si afferma così una distinzione tra identità di genere e sesso biologico e si rivendica a ciascun individuo la scelta dell’identità di genere che vuole avere. Anche l’idea di orientamento sessuale si presta a ogni interpretazione soggettiva, tanto che il range si fa amplissimo e su Facebook si contano fino a 55 varianti diverse.
sommario
I. Introduzione. Sessualità e genere (F. Facchini).  II. Origine e sviluppo delle teorie sul gender: una rilettura critica e nuove prospettive (I. Crespi).  III. Sviluppo, affettività e sessualità fra ricerca identitaria e costruzione del Sé (E. Confalonieri). IV. Maschile e femminile nella costruzione dell’identità: una lettura pedagogica (M.T. Moscato).  V. Educare il bambino all’affettività: esperienze sul campo (M. Coerezza). 
VI. L’impulso dell’eros e la pienezza umana (
J. Noriega).
note sull'autore
Fiorenzo Facchini, sacerdote, è professore emerito all’Università di Bologna, dove ha ricoperto la cattedra di Antropologia dal 1976 al 2005. Membro di varie Società scientifiche italiane e internazionali, fra cui l’Accademia delle Scienze di Bologna e l’Accademia di Scienze Naturali del Kazakhstan, ha ricevuto il Premio internazionale «Fabio Frassetto» dell’Accademia dei Lincei nel 2002 e il Premio Sefir nel 2008. Per EDB ha curato Natura e cultura nella questione del Genere (2015).