Laudario alla Vergine

«Via Pulchritudinis». Nuova edizione

Pubblicazione:  10 settembre 2012
Edizione:  1
Pagine:  136
Peso:  203 (gr)
Collana:  S5 Meditazioni
Formato:  125x205x9 (mm)
Confezione:  Brossura con bandelle
EAN:  9788810808740 9788810808740
€ 9,90 € 8,42
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,48 ogni copia
Descrizione
Non c’è dubbio – dice Turoldo – che senza la Vergine madre la creazione sarebbe incompleta, e la storia dell’uomo senza il suo Salvatore: perciò disperata. Nel titolare la sua raccolta di poesie dedicate a Maria, egli s’ispira alla locuzione che Paolo VI pronunciava durante il VII Congresso mariologico celebrato a Roma il 16 maggio 1975 al Pontificio Ateneo di Sant’Antonio. In quella occasione il pontefice rimandava alla Vergine non solo come «via veritatis», ma anche come «via pulchritudinis»: via da seguire se si vuole raggiungere la beatitudine promessa. «Una beatitudine che non può essere tale se, appunto, è solo verità. La verità da sola può fare anche male. La verità la possiedono anche i dannati. Ma la bellezza! ... Infatti Dostojewski dice che sarà la bellezza a salvare il mondo. Ed io, senza sconvolgere nessun ordine, ma solo per dire quanto più mi preme, precisamente vorrei qui proclamare, avanti a ogni altra urgenza, la via della bellezza. Poiché senza bellezza non c’è neppure verità: Dio è la stessa infinita pienezza del bello, altrimenti non è neanche vero e neanche buono» (dalla Presentazione). A vent’anni dalla morte, le EDB rendono nuovamente disponibile il suo splendido laudario.
Sommario
Presentazione.  Dio non fa più paura.  Preghiera alla Vergine.  Anche Dio sarà triste.  Madre dell’uomo.  Ma ora sei nostra madre.  De profundis.  A te, o Padre.  Si è aperto il cielo.  Come nessuno.  O figli, udite.  Come gazzella.  Più della terra.  Per i servi di santa Maria.  Fede e silenzio.  Solo dei poveri.  Ora la Scrittura.  Senza di lui.  Silenzio di millenni.  È scritto, Madre.  E tu la Donna.  Chiesa che ascolta e cammina.  Figlia di Sion.  Ecco tua madre.  Sei la pietà.  Solo tu credevi?  Lo stesso vento.  Con ali d’aquila.  Non chiedete segni.  Sei la terra obbediente.  Anima mia.  Cose grandi.  È venuto il tempo.  Di ogni gente oppressa.  La nuova aurora.  N on lo sapevi.  Come credevi?  Non abbiamo più vino.  Bisogna cantare.  Così il miracolo.  Un altro avvento.  Fiorisca nel canto.  Aiutaci, o madre.  Verrà una donna.  Ecco, la Vergine concepirà.  Basta che creda la vergine.  Immagine sei della Chiesa.  Nato da donna.  Perché, o fanciulla, non parli?  Come la Vergine.  Come una vela.  Da vergine intatta.  Insieme a te.  La santa terra.  Arca nuova di un popolo nuovo.  Figlio della Bellissima.  Una vergine-madre ti diamo.  La splendida aurora.  Come dentro un’arnia.  A cosa pensavi, Maria?  Chi è mia madre?  La tua pietà.  Città dell’amore.  Appena credere.  Ma tu credevi.  Per saper piangere.  Chissà le volte.  Sia Pentecoste perenne.  Madre di gloria.  Il nostro Magnificat.  Madre, vogliamo.  Servi della Vergine.  Congedo.  Cantico della Vergine.
Note sull'autore
DAVID MARIA TUROLDO (1916 - 1992), frate dei Servi di Maria, con padre Camillo De Piaz diede vita al centro culturale Corsia dei Servi. Per circa trent’anni fu priore e parroco dell’abbazia di S. Egidio a Fontanella, frazione di Sotto il Monte, dove diresse il Centro di Studi ecumenici. Poeta, notista, per il suo stile profetico e anticonformista fu definito “coscienza inquieta della Chiesa”. Al suo funerale presero parte più di 3000 persone. Fra le sue pubblicazioni: Io non ho mani (1948), La terra non sarà distrutta (1951), Udii una voce (1952), Se tu non riappari (1963), La passione di San Lorenzo (1978), Il sesto angelo (1976), Lo scandalo dello speranza (1978), O sensi miei (1990), Canti ultimi (1991).