Predica sul dormire in chiesa

A cura di Adriano Zanacchi

Pubblicazione:  22 febbraio 2016
Edizione:  1
Pagine:  48
Peso:  62 (gr)
Collana:  P9 Lampi  sezione: Lampi d'autore
Formato:  102x165x5 (mm)
Confezione:  Brossura con bandelle
Altri autori:  Tradotto da Adriano Zanacchi  -  Tradotto da Cristina Zanacchi
EAN:  9788810567197 9788810567197
Ultima ristampa:  30 maggio 2016
€ 5,50 € 4,68
Sconto:  15%
Risparmi: € 0,82 ogni copia
Descrizione
Il curioso sermone è stato pronunciato in data imprecisata e pubblicato nel 1776 dallo scrittore e poeta irlandese Jonathan Swift (1667-1745), che fu anche pastore anglicano e decano della cattedrale di St. Patrick a Dublino, ma è universalmente noto per i Viaggi di Gulliver, il suo capolavoro.Si tratta di un insolito testo in cui l’autore affronta il tema della predicazione lanciando, in primo luogo, un aspro e polemico atto d’accusa nei confronti della diffusa indifferenza per il culto e per la religiosità del suo tempo.Swift se la prende con quanti accampano ogni genere di scuse per non andare a messa, dai malanni immaginari all’aria malsana delle chiese, o antepongono la cura degli affari a quella dell’anima; e con quanti preferiscono restare a casa la domenica, non solo per pigrizia o per abbandonarsi all’ingordigia e all’ozio, ma per un radicale disprezzo nei confronti della religione. Siamo di fronte allo sfogo di un prete anglicano evidentemente deluso per la vita del suo tempo e deciso a rivolgere un attacco diretto alle prediche soporifere.
Sommario
Le difficoltà del predicare (A.Zanacchi).  È solo colpa dei predicatori?  Non sparate sul pianista.  Se predicare è difficile.  Predica sul dormire in chiesa (J. Swift). Introduzione.  Il disinteresse.  Le critiche.  Le conseguenze.  I rimedi.  Conclusione.
Note sull'autore
Jonathan Swift (1667-1745), scrittore e poeta irlandese, spirito libero e razionale, è stato pastore anglicano. È autore dei Viaggi di Gulliver, il suo capolavoro, oltre che di racconti e pamphlet.Curatore. Adriano Zanacchi, docente all’Università per stranieri di Perugia, alla Pontificia Università Salesiana e all’Università di Roma «La Sapienza», ha lavorato alla Rai dal 1954 al 1993. Tra le sue pubblicazioni: Pubblicità: effetti collaterali (Editori Riuniti 2004); Relazioni Pubbliche (Las 2004); Opinione pubblica, mass media, propaganda (Las 2006); Il libro nero della pubblicità (Iacobelli 2010). Per EDB ha pubblicato Salvare l’omelia. Prefazione di Domenico Pompili (2014). Con fratel MichaelDavide e Chino Biscontin ha commentato l’esortazione apostolica Evangelii gaudium di Papa Francesco (L’omelia, EDB 2014).