Chi ha paura del Gesù storico?

Ripensare il cristianesimo nel mondo moderno

Pubblicazione:  8 giugno 2015
Edizione:  1
Pagine:  72
Peso:  74 (gr)
Collana:  P9 Lampi
Formato:  102x165x6 (mm)
Confezione:  Brossura con bandelle
EAN:  9788810567098 9788810567098
€ 6,50 € 5,53
Sconto:  15%
Risparmi: € 0,97 ogni copia
Descrizione
Negli ultimi cinquant’anni è stata condotta una ricerca appassionata per ritrovare la figura storica di Gesù, il suo messaggio e il suo modo di vita, un’indagine che si è estesa a quasi tutte le Chiese cristiane, agli ebrei, ma anche agli storici e agli esegeti privi di appartenenza religiosa. Nel quadro di una cultura europea spesso banalmente divisa tra clericalismo e anticlericalismo, si è trattato di tornare alle basi del cristianesimo, di restituire a Gesù il suo primato e di sciogliere le tensioni tra Scrittura e tradizione. Tuttavia, nonostante gli sforzi del concilio Vaticano II, il problema irrisolto del ritorno alle fonti ripropone ancora oggi l’interrogativo di pensare il cristianesimo all’interno della cultura umanistica e scientifica moderna.
Sommario
I. Chiesa cattolica e modernità.  II. Da Trento al Vaticano II.  III. Il primo decennio del post-concilio.  IV. Il ritorno conservatore.  V. La nuova ricerca sul Gesù storico.  Conclusione.
Note sull'autore
Mauro Pesce è stato fino al 2011 professore ordinario di Storia del Cristianesimo all’Università di Bologna. È condirettore della collana di commenti al Nuovo Testamento ideata da Peter Arzt-Grabner, edita da Vandenhoeck und Ruprecht (Göttingen), e dal 1984 dirige la rivista Annali di storia dell’esegesi, pubblicata da EDB. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Il racconto e la scrittura. Introduzione alla lettura dei Vangeli (con Adriana Destro, Carocci, 2014) e La morte di Gesù. Indagine su un mistero (con Adriana Destro, Rizzoli, 2014).