Il Sacrificio

Tra racconto e dramma

Pubblicazione:  giugno 2020
Edizione:  1
Pagine:  144
Peso:  172 (gr)
Collana:  P6 Lapislazzuli
Formato:  110x180
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810559659 9788810559659
€ 12,50

non acquistabile
Descrizione
Categoria cruciale della fede cristiana, in relazione a Cristo, all’Eucaristia e alla vita dei credenti, il sacrificio appartiene all’esperienza universale dell’uomo nel rapporto con la sfera sovrumana. Esso prende la forma di uno scambio simbolico di beni, che ha il carattere dell’offerta, dell’immolazione e dell’unione, al fine di instaurare una relazione di riconoscenza, benevolenza e comunione con la sorgente della creazione e della storia. Per questo il sacrificio ha una dimensione cosmica, antropologica e sociale, si fonda sul racconto mitico dell’origine del cosmo, dell’uomo e della società e si attua nel rito, che rende presente quell’origine come possibilità per ogni nuovo inizio.
Questo saggio indaga il tema nella storia moderna e contemporanea, svolgendo il rapporto tra mito e rito; recupera la memoria nella rivelazione biblica e nella storia della fede della chiesa, articolando il rapporto tra evento e rito; ne propone una rilettura teologico-spirituale, declinando il rapporto tra racconto e dramma. Per dire la singolarità del sacrificio di Cristo, dell’Eucaristia e della vita nello Spirito.
Sommario
Introduzione.  I. Fine del sacrificio?  II. Il sacrificio. 1. Mito e rito: il sacrificio nel conflitto delle interpretazioni.  2. Evento e rito: il sacrificio nella rivelazione biblica.  3. Racconto e dramma: il sacramento del sacrificio di Gesù.  Bibliografia.
Note sull'autore
Franco Giulio Brambilla, vescovo di Novara e vicepresidente della Conferenza Episcopale Italiana per il Nord Italia, è stato professore ordinario di Cristologia e Antropologia teologica alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, di cui è stato Preside. Tra le sue pubblicazioni recenti: Tempo della gesta e giorno del Signore (San Paolo 2012), Adamo, dove sei? Sulla traccia dell’umano (Cittadella 2015) e Liber pastoralis (Queriniana 2018).