Luoghi segreti e pratiche nascoste

La costruzione dell’eretico nel cristianesimo delle origini

Pubblicazione:  11 maggio 2015
Edizione:  1
Pagine:  64
Peso:  89 (gr)
Collana:  P6 Lapislazzuli
Formato:  111x180x6 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto da Stefano Suozzi
EAN:  9788810558423 9788810558423
€ 7,00 € 5,95
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,05 ogni copia
Descrizione
I luoghi domestici svolgono un ruolo importante nell’organizzazione, nella crescita e nello sviluppo istituzionale del cristianesimo delle origini e proprio la distinzione tra spazi pubblici e privati viene adottata nei testi antichi per riconoscere l’insegnamento della retta dottrina e delimitare la diffusione delle pratiche eretiche. Le lettere pastorali di Paolo a Timoteo e Tito, il ritratto che Ireneo di Lione tratteggia del suo avversario Marco e le lettere di Ignazio di Antiochia classificano gli antagonisti come frequentatori di luoghi segreti in cui si svolgono pratiche nascoste e sregolate e associano loro tutti i vizi che conducono alla distruzione della polis. Viceversa, le assemblee in cui si pratica il corretto insegnamento sono anche aperte alla vista e dispiegano le virtù di un ordine sociale armonioso. Nell’intento di approfondire la geografia sociale e umana del cristianesimo delle origini, il saggio intende contribuire alla discussione sulla distinzione tra pubblico e privato nell’antichità greco-romana, facendo emergere la relazione tra la produzione sociale dello spazio e la rappresentazione del vero e del falso insegnamento.  
Sommario
I. Geografia sociale e cristianesimo autentico.  II. Camere con vista.  III. La pozione d’amore di Marco.  IV. Servitori di casa e cani rabbiosi.  Conclusione.
Note sull'autore
Harry O. Maier è professore di Nuovo Testamento e di Studi sul cristianesimo antico alla Vancouver School of Theology e visiting professor al Max-Weber-Kolleg dell’Università di Erfurt. È stato inoltre fellow della Alexander von Humboldt-Stiftung a Heidelberg. Studioso del cristianesimo delle origini, collabora al Blackwell Bible Commentary ed è membro del comitato scientifico di Journal of Ecclesiastical History e Studies in Religion - Sciences Religieuses.