Teologia dell’amicizia

Pubblicazione:  7 aprile 2015
Edizione:  1
Pagine:  72
Peso:  82 (gr)
Collana:  P6 Lapislazzuli
Formato:  110x180x5 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810558348 9788810558348
€ 7,50 € 6,38
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,12 ogni copia
Descrizione
Esperienza universale che attraversa le epoche e le culture accomunando adolescenti e adulti, ricchi e poveri, aristocratici e gente comune, l’amicizia raggiunge il nostro tempo liquido e virtuale estendendosi ai contatti di Facebook, che avvengono sulla base di una «richiesta di amicizia». Esperienza duratura, perché propria dell’uomo, ma anche difficile da definire e persino ambigua, viene ospitata nel cristianesimo in modo originale e fecondo e solleva alcuni interrogativi: se l’amico è come un fratello, qual è il rapporto fra amicizia e fraternità? Che distinzione esiste fra amico e prossimo? E, alla luce dell’invito ad amare i nemici, per il cristianesimo esistono ancora amici? L’amicizia è virtù, è disposizione che assume come compito etico l’affinità elettiva, ma è al tempo stesso un mistero poiché si nutre anche di silenzio, specchio che ne riflette la trascendenza e apre all’infinito.
Sommario
I. Le polarità dell’amicizia.  II. La radice cristologica dell’amicizia.  III. La virtù dell’amicizia.  IV. Il silenzio dell’amicizia.
Note sull'autore
Stefano Zamboni, sacerdote dehoniano, è docente di Teologia morale all’Accademia Alfonsiana e alla Facoltà teologica Marianum di Roma. Tra le sue pubblicazioni: «Chiamati a seguire l’Agnello». Il martirio, compimento della vita morale (EDB 2007); Libertà. Provocazioni bibliche (Paoline 2009); Ritrovarsi donandosi. Alcune idee chiave della teologia di Joseph Ratzinger-Benedetto XVI (con R. Tremblay, Lateran University Press 2012).