Nascere fragili

Processi educativi e pratiche di cura

Pubblicazione:  9 marzo 2015
Edizione:  1
Pagine:  120
Peso:  122 (gr)
Collana:  P6 Lapislazzuli
Formato:  110x180x9 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810558317 9788810558317
Ultima ristampa:  21 settembre 2018
€ 12,00 € 10,20
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,80 ogni copia
Descrizione
Gli individui sono tutti diversi fra loro. E non è solo questione di genere, statura, pelle, capelli, iride degli occhi. Non è un fatto che riguarda solo il corpo, ma anche il carattere, le emozioni, le simpatie e le antipatie, le paure, i ritmi del pensare e del vivere. Ciascuno di noi lascia un’impronta, anche solo digitale, che è solo sua. In questo scenario di tante diversità, ve ne sono alcune che possono ingannarci e farci credere che la realtà umana sia composta da due categorie, riconducibili al normale e all’anormale. In realtà, tutti nasciamo fragili, anche se ci illudiamo che si tratti di una malattia infantile che passa crescendo, oppure di qualcosa che appartiene agli altri e che si possa conoscere solo dall’esterno attraverso una fredda e scientifica diagnosi. Invece, nessuno è al riparo dalla fragilità, dalla quale cerchiamo comprensibilmente e invano di difenderci, una dimensione che riguarda tutti e coinvolge pienamente i processi dell’educazione e le pratiche della cura di sé e degli altri.
Sommario
Premessa.  1. La prigionia dello stereotipo.  2. La ferita narcisistica.  3. La fragilità che interpella.  4. La stima.  5. Il rischio del vittimismo.  6. Protagonisti, non comparse.  7. Scivolare nella precarietà.  8. Competenze della manutenzione.  9. Le forme del sostegno.  10. Welfare di prossimità.  11. Bastoni per serpenti.  12. Pedagogia e istituzioni.  13. Condividere. 
Note sull'autore
Andrea Canevaro è ordinario di Pedagogia speciale all’Università di Bologna, dove è stato presidente di corso di laurea, direttore di dipartimento e delegato del rettore per gli studenti disabili. È valutatore di progetti di ricerca per le Università di Montréal (Canada) e di Lione (Francia). Ha lavorato nel campo della devianza giovanile e ha compiuto missioni di cooperazione internazionale in Europa, Africa e Asia. Autore di numerose pubblicazioni, ha di recente pubblicato Scuola inclusiva e mondo più giusto (Erickson 2013).