Il Conflitto dei simboli

Mondo moderno e cristianesimo

Pubblicazione:  9 novembre 2015
Edizione:  1
Pagine:  80
Peso:  100 (gr)
Collana:  P5 Sguardi  sezione: Scritture
Formato:  120x180x6 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810555484 9788810555484
€ 8,00 € 6,80
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,20 ogni copia
Descrizione
Le grandi masse e anche molta parte della classe dirigente delle società odierne continuano ad avvalersi di una spiegazione della realtà che si richiama al sistema simbolico forgiato dal cristianesimo in età antica e medievale. Nel suo sorgere, la modernità si è trovata in Europa di fronte a società in cui l’organizzazione urbanistica ruotava attorno ai simboli religiosi. Nella struttura cittadina, la centralità fisica della cattedrale e la disposizione spaziale delle chiese principali e degli edifici del potere esprimevano un’organizzazione gerarchica in cui il cristianesimo sanciva simbolicamente ogni aspetto. Il tempo era scandito da una complessa organizzazione cultuale e la stessa rappresentazione del cosmo aveva una struttura fisico-sacrale che abbracciava l’intero universo. Pur contrassegnando una svolta radicale rispetto a questa antica eredità, il mondo moderno ha dovuto creare un’incessante dialettica tra antico e nuovo nel continuo confronto con un tenace sistema simbolico religioso che non è riuscita a sostituire. In questo modo, il cristianesimo ha assorbito la modernità e ne è stato contemporaneamente assorbito.
Sommario
I. La modernità ha sostituito il sistema simbolico cristiano?  II. Le basi del nuovo sistema simbolico cristiano che sostituisca quello antico.  III. Come i cristiani hanno sostituito i simboli antichi.  IV. Perché nacque un nuovo sistema simbolico moderno diverso da quello cristiano.  V. L’incontro del cristianesimo con le altre culture.  VI. Gli ebrei nello spazio pubblico: novità della cultura europea.  VII. La modernità sgretola il sistema simbolico cristiano.  Epilogo. Sostituzione o critica interna?
Note sull'autore
Mauro Pesce è stato fino al 2011 professore ordinario di Storia del cristianesimo all’Università di Bologna. È condirettore della collana di commenti al Nuovo Testamento ideata da Peter Arzt-Grabner, edita da Vandenhoeck und Ruprecht (Göttingen), e dal 1984 dirige la rivista Annali di storia dell’esegesi (EDB). Tra le sue pubblicazioni recenti: Il racconto e la scrittura. Introduzione alla lettura dei Vangeli (con Adriana Destro, Carocci 2014), La morte di Gesù. Indagine su un mistero (con Adriana Destro, Rizzoli 2014) e Chi ha paura del Gesù storico? Ripensare il cristianesimo nel mondo moderno (EDB 2015).