La Cioccolata cattolica

Storia di una disputa tra teologia e medicina

Pubblicazione:  10 febbraio 2014
Edizione:  1
Pagine:  96
Peso:  136 (gr)
Collana:  P5 Sguardi  sezione: Teologia
Formato:  120x180x8 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810555248 9788810555248
€ 8,50 € 7,23
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,27 ogni copia
Descrizione
La pianta del cacao cresce solo in particolari condizioni climatiche e la sua zona d’origine è l’America centrale. Gli europei devono perciò attendere la scoperta del nuovo continente per gustarne il frutto, che compare sulla scena innanzitutto come bevanda, la cioccolata, e apre una singolare disputa che coinvolge la teologia e la medicina. Due le posizioni che si confrontano nell’Europa del Sei e del Settecento: o la cioccolata è cibo e non la si può prendere fuori pasto nei giorni di digiuno ecclesiastico, oppure è bevanda e la si può bere quando si vuole perché le bevande non interrompono il digiuno. Vi è, però, una terza possibilità, cioè farla rientrare nella casistica esistente o come medicina o come electuaria, per esempio frutto candito o conserve da consumare di sera. In realtà, la disputa finisce col consentirne l’uso una volta al giorno, stabilita la quantità di cacao da mettere nell’acqua, anche se il dibattito si interseca con un’altra discussione, esclusivamente medica, sui benefici delle bevande calde.
Note sull'autore
Claudio Balzaretti è ordinario di Filosofia e Storia nei licei statali. Laureato in Lettere classiche e dottore in Scienze bibliche, ha pubblicato traduzioni e commenti a Esdra-Neemia, Cronache, Re e Maccabei. Per EDB ha pubblicato Il Papa, Nietzsche e la cioccolata. Saggio di morale gastronomica (2009).