Ma tu, sei prete?

Storia di un sacerdote delle periferie. Presentazione di Pietro Maria Fragnelli

Pubblicazione:  27 maggio 2019
Edizione:  1
Pagine:  216
Peso:  306 (gr)
Collana:  F5 Itinerari
Formato:  140x210x15 (mm)
Confezione:  Brossura
Prefazione di:  Pietro Maria Fragnelli
Altri autori:  Riveduto da Alba Monti
EAN:  9788810513743 9788810513743
€ 15,00 € 12,75
Sconto:  15%
Risparmi: € 2,25 ogni copia
Descrizione
Come scrive  Pietro Maria Fragnelli nella Presentazione, leggere questa testimonianza viva di don Vincenzo de Florio (o padre Vicente, come lo chiamano in Brasile) significa imbattersi in un inguaribile innamorato che, a novant’anni suonati, vuole ancora cantare la sua canzone d’amore. Una canzone appassionata, senza rimpianti o tristezze. Non canta “Com’è triste Venezia”, il celebre motivo tornato alla ribalta per la morte del suo cantore e poeta, il novantenne Charles Aznavour, ma viene a dire alle sue lettrici e ai suoi lettori: “Com’è triste la vita” quando si allontana il soffio dello Spirito, il solo che può liberare dalle illusorie sicurezze umane e culturali, il solo che può portare fuori dai confini falsamente rassicuranti dei guadagni e delle strutture. Per don Vincenzo la vita è triste se non ci si innamora dei poveri, siano essi zingari o homeless, detenuti o senzaterra, senza radici o senza fede. È triste la vita se non incontra il Cristo povero, che si identifica con i poveri cristi di ogni latitudine.
Sommario
Mi improvvisai scrittore (P.M. Fragnelli).  Mi presento.  Premessa.  I. Il bambino rubato dagli Zingari. 1. Storia del bambino rubato dagli Zingari.  2. La periferia fa crescere.  3. Bambino com’era, rimase rubato!  4. Da maestro a discepolo.  5. Don Tonino, mio fratello vescovo.  6. Le periferie ti convertono.  II. Servo in periferie altre. 7. Rientro imprevisto.  8. In periferia sino alla fine del mondo.  9. Vita condivisa con i prediletti.  10. Brasile: vita semplice, ma in schiavitù.  11. Obbligo di fermata.  12. Servo inutile.
Note sull'autore
Vincenzo De Florio, prete pugliese, è stato parroco in Brasile, cappellano di Sinti e Rom, vicario generale nella Diocesi di Castellaneta e volontario nella casa circondariale e di reclusione di Taranto. Ha pubblicato:  Zingaro mio fratello (Paoline 1986), Mi basta che tu mi vuoi bene (Paoline 2012) e Se non diventerete come bambini (Pensa MultiMedia 2016).

Pietro Maria Fragnelli è vescovo di Trapani.