Le Pratiche della carità

Attualità delle opere di misericordia

Pubblicazione:  8 luglio 2013
Edizione:  1
Pagine:  80
Peso:  108 (gr)
Collana:  M2 Cammini di Chiesa
Formato:  110x185x7 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810512159 9788810512159
Ultima ristampa:  19 settembre 2016
€ 7,00 € 5,95
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,05 ogni copia
Descrizione
Una volta si imparavano a memoria al catechismo. Poi sono scomparse, dal libro e talvolta anche dalla vita. Erano due elenchi, entrambi in sette punti. Le opere di misericordia spirituale invitavano a insegnare agli ignoranti, ammonire i peccatori, consigliare i dubbiosi, confortare gli afflitti, perdonare le offese ricevute, sopportare le persone moleste e pregare Dio per i vivi e per i morti. Le opere di misericordia corporale imponevano invece di dar da mangiare agli affamati e da bere agli assetati, di vestire gli ignudi, alloggiare i pellegrini, visitare gli infermi e i carcerati, seppellire i morti. Giovanni Nervo, primo presidente della Caritas Italiana, si interroga sul significato di questi insegnamenti e sull’attualità della loro pratica alla luce delle Beatitudini indicate dal vangelo.
Sommario
Introduzione.  I. LE OPERE DI MISERICORDIA SPIRITUALI. Consigliare i dubbiosi.  Insegnare agli ignoranti.  Ammonire i peccatori.  Consolare gli afflitti.  Perdonare le offese ricevute.  Sopportare pazientemente le persone moleste.  Pregare Dio per i vivi e per i morti.  II. LE OPERE DI MISERICORDIA CORPORALI. Dar da mangiare agli affamati.  Dar da bere agli assetati.  Vestire gli ignudi.  Alloggiare i pellegrini.  Visitare gli infermi.  Visitare i carcerati.  Seppellire i morti.  III. LE BEATITUDINI. Il valore delle beatitudini.
Note sull'autore
GIOVANNI NERVO (1918-2013), (1918-2013), prete diocesano di Padova, è stato il primo presidente della Caritas Italiana dando un contributo fondamentale a innovare metodi e cultura del welfare state e la filosofia della cooperazione tra istituzioni pubbliche, privato sociale e volontariato. Fino al 1997 ha presieduto la Fondazione Emanuela Zancan, da lui istituita nel 1964 per svolgere attività di ricerca nel settore delle politiche sociali e dei servizi alla persona. Con EDB ha pubblicato, tra gli altri, Educare alla carità per una Chiesa credibile (1992), La carta di identità del cristiano (2002), Non lo riconobbero. Il Vangelo in un mondo che cambia (2003) e Ha un futuro il volontariato? (32008).