Governo fraterno

La novità di Francesco d'Assisi nella società delle relazioni liquide

Pubblicazione:  15 maggio 2018
Edizione:  1
Pagine:  224
Peso:  444 (gr)
Collana:  F4 Problemi di vita religiosa
Formato:  170x240x15 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Nota introduttiva di Mauro Jöhri  -  Introduzione di Gaetano La Speme  -  Contributi di Luigi Gaetani  -  Contributi di Dionisio Candido  -  Contributi di Francesco Alberoni  -  Contributi di Salvatore Vacca  -  Contributi di Nunzio Galantino  -  Contributi di Paolo Gherri  -  Contributi di Velasio De Paolis  -  Contributi di Pietro Maranesi  -  Contributi di Marco Guida  -  Contributi di Giovanni Salonia  -  Contributi di Roberto Cuvato  -  Contributi di Carlo Calloni  -  Contributi di Grado Giovanni Merlo  -  Contributi di Gaetano Zito
EAN:  9788810507520 9788810507520
€ 23,00 € 19,55
Sconto:  15%
Risparmi: € 3,45 ogni copia
descrizione
Oggi più che mai, in un contesto culturale e sociale in cui l’autorità e il governare sono visti in modo prevalentemente critico e sottoposti anzitutto al giudizio e al pregiudizio, si rivela necessario mostrare il volto servizievole di questo compito.
L’idea dell’autorità in Francesco d’Assisi non ha nulla a che vedere con il potere, il prestigio e il dominio, tipici di una mentalità mondana. Egli stesso volle essere non un capo ma un fratello, non un maestro ma un testimone, non un padrone ma un servo. Il modo francescano di considerare il governo della fraternità e dell’Ordine è infatti incompatibile con il potere perché chi governa deve agire per puro spirito di servizio nella consapevolezza che l’autorità è un dono e non un privilegio. In questo senso lo spirito francescano del governare insiste sull’uguaglianza in fraternità in forza della professione dei voti e del Vangelo.
Questo volume raccoglie gli atti del convegno «Governo fraterno. La novità di Francesco d'Assisi nella società delle relazioni liquide», svoltosi a Siracusa dal 25 al 27 settembre 2015 per iniziativa della Provincia dei Frati Minori Cappuccini.
sommario
Presentazione (M. Jöhri).  Introduzione (G. La Speme).  1. Autorità e obbedienza. Un nuovo rapporto di governo e di fraternità per la Chiesa e la società (L. Gaetani).  2. Note sul governo nella Bibbia ebraica (D. Candido).  3. Dimensione antropologica del governare (F. Alberoni).  4. L’esercizio del governo nelle lettere circolari di p. Innocenzo Marcinò da Caltagirone (S. Vacca).  5. La prospettiva ecclesiologica del governare nella Chiesa (N. Galantino).  6. La prospettiva giuridica del governare (P. Gherri).  7. Il governo nella vita consacrata (V. De Paolis).  8. Il governo in Francesco di Assisi tra progetto evangelico e caratterialità personale (P. Maranesi).  9. Il governo in Chiara d’Assisi (M. Guida).  10. Governo tra obbedire e disobbedire. Percorsi formativi (G. Salonia).  11. Studio sulle omelie di p. Innocenzo Marcinò da Caltagirone: il Quaresimale (R. Cuvato).  12. Governo e santità nella storia cappuccina (C. Calloni).  13. Il governo di fra Clemente da Noto e di fra Giammaria da Noto (G.G. Merlo).  14. Prospettiva storica del governo di p. Innocenzo Marcinò da Caltagirone (1589-1655) (G. Zito).  15. Conclusioni convegno (G. La Speme).  Gli autori.
note sull'autore
P. Giuseppe Gurciullo (Ulm, 1975) è sacerdote dell’arcidiocesi di Siracusa. Dottore in diritto canonico alla Pontificia Università Lateranense di Roma. Diplomato alle Congregazioni per le cause dei santi e del culto divino e disciplina dei sacramenti. Docente di diritto canonico presso lo Studio Teologico S. Paolo di Catania. Attualmente è vicario giudiziale aggiunto presso la sua diocesi e parroco della parrocchia di S. G. Bosco in Floridia (SR).
Fra Emiliano Strino (Napoli, 1975) è Frate Minore Cappuccino della Provincia religiosa di Siracusa. Licenziato in teologia spirituale francescana presso la Pontificia Università Antonianum di Roma. È counsellor gestaltico è svolge, presso molte congregazioni maschili e femminili, il servizio di formazione alla vita religiosa e alle dinamiche fraterne. Attualmente è segretario provinciale, archivista e viceparroco della parrocchia S. Maria della Misericordia di Siracusa presso il convento dove risiede.