Qumran le rovine della luna

Il monastero e gli esseni, una certezza o un'ipotesi?

Pubblicazione:  24 gennaio 2011
Edizione:  1
Pagine:  224
Peso:  278 (gr)
Collana:  A3 Studi biblici
Formato:  140x210x15 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Disegni di Francesco Berteotti
EAN:  9788810410134 9788810410134
€ 23,30 € 19,81
Sconto:  15%
Risparmi: € 3,49 ogni copia
descrizione
La località di Qumran – in arabo “le rovine della luna” – rimanda a ruderi e a manoscritti. A partire dal 1947, quando venne reso noto che in undici grotte erano stati ritrovati dei frammenti di antichi rotoli, il sito venne identificato come centro della comunità religiosa degli esseni. Ma dopo un tempo in cui la questione sembrava ormai indiscussa, il continuo allungarsi della lista delle domande senza risposta ha condotto la comunità scientifica internazionale ad attestarsi attorno a due piste di ricerca contrastanti: da un lato l’ipotesi essena, dall’altra quella secondo cui Qumran sarebbe identificabile col centro di un’azienda agricola senza alcuna relazione coi manoscritti. L’autore apporta un contributo alla ricerca su Qumran e sui manoscritti del mar Morto proponendo una nuova variante sul tema dell’insediamento qumranico, dei suoi abitanti e del loro rapporto con i manoscritti ritrovati nelle grotte. Ricapitola e sistematizza le fasi della scoperta e della pubblicazione dei manoscritti stessi. Senza rinunciare alla scientificità, egli si rivolge non solo al pubblico specialistico, ma ai molti soggetti interessati al tema, talora sollecitati e incuriositi anche da fantasiose teorie di complotti, cospirazioni e intrighi che ancora circondano l’argomento.
sommario
Una storia che merita di essere raccontata ancora una volta.  I. «Un sacco di soldi per un po’ di vecchio cuoio!». La scoperta, l’acquisto e la pubblicazione dei manoscritti del deserto giudaico.  II. «Dovete essere santi, poiché io, YHWH, vostro Dio, sono santo». Mistici, politici e rivoluzionari: l’antico mondo dei manoscritti.  III. «Disprezzano la ricchezza, e il loro senso della comunità è ammirevole». Le rovine di Kirbeth Qumran e gli esseni.  IV. «E tutti coloro che entrano nell’ordine della Jahad stringono un’alleanza davanti a Dio». Che cosa nascondono i manoscritti delle undici grotte?  V. «Ma tu sai che noi ci siamo separati dalla maggioranza del popolo...». La relazione tra l’insediamento qumranico, le grotte e i manoscritti.  VI. «Sarà chiamato figlio di Dio». Il movimento gesuano nel contesto del suo ambiente storico.  Per approfondire.  Kirbeth Qumran e i manoscritti in Internet.
note sull'autore
SIMONE PAGANINI (Busto Arsizio 1972) ha studiato filosofia e teologia a Firenze, Roma e Innsbruck. Dopo una tesi di dottorato sul profeta Isaia diviene professore assistente al dipartimento di esegesi dell’Antico Testamento all’Università di Vienna. Dopo due anni trascorsi come research fellow all’Università di Monaco di Baviera, dove si abilita con una tesi sui Dead Sea Scrolls e in particolare sul «Rotolo del Tempio», ha ora l’incarico di professore associato e docente di ebraico, aramaico, storia d’Israele, Qumran ed esegesi dell’Antico Testamento all’Università di Innsbruck.