Ripensare la risurrezione

La differenza cristiana tra religioni e cultura

Pubblicazione:  1 gennaio 2007
Edizione:  1
Pagine:  368
Peso:  408 (gr)
Collana:  B3 Nuovi saggi teologici
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810405796 9788810405796
€ 39,00 € 33,15
Sconto:  15%
Risparmi: € 5,85 ogni copia
descrizione
L’autore è mosso dalla preoccupazione di ripensare i grandi temi della fede prendendo sul serio il cambiamento di paradigma culturale prodotto dalla modernità. Infatti, per essere viva, la fede ha bisogno di un continuo aggiornamento, perché solo così cessa di essere teoria astratta per trasformarsi in esperienza. Proprio per il suo carattere centrale, solo se è ripensata e vissuta in ogni momento storico, la risurrezione può dispiegare il suo dinamismo vitale e la sua forza di speranza. Il volume è nato da varie preoccupazioni. La più immediata e vitale: il venir meno di persone care a mano a mano che il tempo passa. Poi, la preoccupazione religioso-culturale: «proprio perché dono di Dio, la risurrezione non può fare la sua comparsa ex abrupto nel mondo cristiano, senza connessione con le grandi domande religiose e le inquietudini fondamentali dell’uomo». Infine, la preoccupazione fondamentale della coerenza cristologica: «leggere la divinità di Gesù nella sua umanità, la differenza nella sua identità, la novità nella sua continuità. Tutto questo richiede che si comprenda la risurrezione e la si interpreti “dal basso”: figli con il Figlio, figli nel Figlio. Come la risurrezione viene tante volte presentata ora, non può essere modello e rivelazione della nostra risurrezione. Va quindi ripensata».
sommario
Presentazione (F. Strazzari).  Premessa.  1. La risurrezione tra fede e interpretazioni.  2. La risurrezione nel suo contesto originario.  3. La risurrezione nella comprensione attuale.  4. Nascita e significato della fede nella risurrezione.  5. Risortii con Cristo.  6. Gesù, il primogenito dei defunti.  Conclusione: La fede comune nella differenza delle interpretazioni.  Bibliografia.  Indici.
note sull'autore
ANDRÉS TORRES QUEIRUGA, nato nel 1940, è dottore in filosofia (Università di Santiago de Compostela) e in teologia (Pontificia Università Gregoriana). Dal 1968 al 1987 ha insegnato teologia fondamentale all’Istituto teologico compostelano e attualmente è docente di filosofia della religione all’Università di Santiago; ha tenuto corsi anche in Messico e in Brasile. Tra le sue opere, Recuperar la salvación, Santander 21995, La revelación de Dios en la realización del hombre. Madrid 1987 (trad. it. Roma 1991), Creo en Dios Padre, Santander 51998 (trad. it. Casale Monferrato 1994), ¿Qué queremos decir cuando decimos “infierno”?, Santander 1995 (trad. it. Vicenza 2002), Repensar la Cristología. Ensayos hacia un nuevo paradigma, Estella 1996; Recuperar la creación. Por una religión humanizadora, Santander 32001.