Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Persona in teologia

Alle origini del significato di persona nel cristianesimo antico

Pubblicazione:  20 marzo 2017
Edizione:  1
Pagine:  488
Peso:  590 (gr)
Collana:  ZERO2 Reprint
Formato:  140x210x27 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810216248 9788810216248
€ 38,00 € 32,30
Sconto:  15%
Risparmi: € 5,70 ogni copia
descrizione
Non esiste nel linguaggio del nostro tempo un termine così solidale o, meglio, così compenetrato con l’essere umano come quello di «persona». Esso rappresenta una parola-chiave non solo in teologia o in filosofia, ma anche nel linguaggio della giurisprudenza, della sociologia, dell’antropologia e della psicologia. Ma come e perché nella cultura occidentale si è giunti a investire questo termine di tanto incomparabile prestigio? Questo libro si propone di rispondere alla domanda compiendo un’indagine che affonda le radici negli intensi dibattiti che hanno coinvolto il cristianesimo antico e riflettendo sulla rilevanza antropologica del termine «persona» a partire dalla provenienza teologica del concetto.
«Sarà per lungo tempo un’opera di riferimento in materia»
Bernard Sesboüé

«Questo libro è soprattutto una provocazione per l’oggi post-cristiano»
Piersandro Vanzan
sommario
Premessa all'edizione 2017.  Premessa.  Introduzione. Le radici dell’uomo moderno.  I. La concentrazione linguistica.  II. Monoteismo e fede trinitaria. Il cristianesimo alla ricerca della propria organizzazione dottrinale.  III. Il caso di «Prósopon».  IV. L'assunzione di «persona» in teologia trinitaria: Tertulliano.  V. La lotta per il linguaggio trinitario in oriente: «Hypóstasis» da Origene ad Atanasio. VI. Il contributo dei cappadoci e la formula dell'ortodossia trinitaria.  VII. Alle origini della ontologizzazione del «Kerygma».  VIII. Il raccordo fra linguaggio trinitario e linguaggio cristologico della persona.  IX. La definizione dell'«Hypóstasis» nella cristologia bizantina.  X. Fede nicena e dottrina della persona: il contributo degli occidentali.  XI. Persona e autocoscienza: la svolta teologica e antropologica di Agostino.  XII. Dalla classicità al Medio Evo: Boezio e la consacrazione speculativa di «persona».  Postfazione. Storia di una parola. In margine alla seconda edizione.  Sigle e abbreviazioni.  Indice biblico.  Indice dei termini.  Indice dei testi.  Indice dei nomi.  Bibliografia.
note sull'autore
Andrea Milano è docente di Storia del cristianesimo all’Università Federico II di Napoli e di Dottrine teologiche all’Istituto di Scienze Religiose Italo Mancini dell’Università di Urbino. È cofondatore e responsabile della rivista Filosofia e Teologia, cofondatore del comitato scientifico della Società italiana per la ricerca teologica (Sirt), componente dell’European Society for Catholic Theology e dell’Accademia Pontaniana. Per EDB ha pubblicato Quale verità. Per una critica della ragione teologica (1999) e Donne e amore nella Bibbia. Eros, agape, persona (Reprint 2015).