Non è una fede per vecchi

La prima generazione dei «nuovi credenti». Prefazione di Silvano Fausti

Pubblicazione:  9 novembre 2015
Edizione:  1
Pagine:  200
Peso:  256 (gr)
Collana:  M3 Fede e annuncio
Formato:  140x215x10 (mm)
Confezione:  Brossura
Prefazione di:  Silvano Fausti
EAN:  9788810203811 9788810203811
€ 20,00 € 17,00
Sconto:  15%
Risparmi: € 3,00 ogni copia
Descrizione
I giovani di oggi potrebbero essere la «prima generazione dei nuovi credenti». È questa la tesi centrale del libro, sviluppata con un’attenzione tutta particolare per le straordinarie potenzialità dei ragazzi rispetto a una fede che sembrano rifiutare ma che, in realtà, spesso semplicemente ignorano. E se invece riuscissero a conoscerla? Se si lasciassero veramente interrogare da un messaggio che si offre di rispondere alle loro attese più profonde? «Saremmo di fronte a una vera e propria “conversione”, che forse avremmo difficoltà ad accogliere o che addirittura, per certi versi, temiamo, perché richiederebbe anche a noi un cambiamento al quale non siamo preparati» , scrive Silvano Fausti nell’introduzione. «La nascita di una generazione di nuovi e più autentici credenti interrogherebbe ancora una volta e in modo ancor più esigente noi tutti circa la vera natura della fede, costringerebbe a prendere una posizione non più scontata». Il libro propone una riflessione che può rivelarsi utile soprattutto a chi è impegnato a trasmettere il Vangelo alle nuove generazioni e per farlo si sforza continuamente di capire che cosa agita il cuore dei giovani rimanendo in dialogo costante e aperto con la Scrittura.
Sommario
Prefazione (S. Fausti).  Introduzione.  I. “Giovane” a chi?!  II. Il Figlio dell’uomo, quando verrà...  III. Un linguaggio che non comunica più.  IV. Dio in cerca dell’uomo.  V. L’amore, la fede e la libertà. 
VI. La fede in Gesù, crocifisso e risorto.  VII. Peccato che si dica “peccato”.  VIII. Salvezza è felicità.  IX.
Extra ecclesia...
Note sull'autore
Silvano Fausti (1940-2015), gesuita, autore di numerose pubblicazioni biblico-teologiche, sia di studio sia di divulgazione, è stato docente di Teologia e ha vissuto in una comunità di confratelli dediti al servizio della Parola e impegnati nei contesti di emarginazione.