Progetto "Sicar": l'itinerario di iniziazione cristiana della Diocesi di Treviso

L’intero progetto è composto da 7 volumi, ciascuno dei quali contiene percorsi che accompagnano bambini e genitori dalla seconda elementare fino alla terza media. In ciascun volume i catechisti potranno trovare materiale per svolgere i vari incontri, con attività e giochi adatti al target. Le numerose illustrazioni aiuteranno piccoli e grandi a entrare in contatto con i vari temi proposti.

1° anno: l’obiettivo è accompagnare bambini e genitori all’incontro con il Signore, attraverso la Sacra Scrittura, grazie all’«aiuto» di alcuni personaggi del tempo di Gesù. Catechismo di riferimento: Lasciate che i bambini vengano a me.

2° anno: è dedicato alla preparazione e alla celebrazione del sacramento della Riconciliazione, come «ri-attivazione» della grazia battesimale, nella liberazione dal peccato, nell’accoglienza della vita nuova, nella partecipazione alla vita ecclesiale.

3° anno: la pagina di Emmaus accompagna i ragazzi ad accostarsi per la prima volta alla mensa eucaristica, attraverso un itinerario che si delinea in quattro tappe celebrative: la Comunione nella comunità, nella Parola, nel pane spezzato, nella vita. 

4° anno: si rivolge ai ragazzi che si sono da poco accostati al sacramento dell’Eucaristia; l’immagine della strada che va da Gerusalemme a Gerico caratterizza l’intero percorso e richiama la strada della felicità che Gesù, con il dono del suo amore, spalanca ad ogni uomo. Sullo sfondo della parabola del samaritano l’itinerario accosta il capitolo dei dieci comandamenti e del comandamento dell’amore.

IN PREPARAZIONE i volumi 5 6 e 7 relativi agli anni successivi.

L’ufficio per l’annuncio e la catechesi di Treviso si occupa della formazione dei catechisti della diocesi; sostiene il loro servizio, per un annuncio del Vangelo in sintonia con le direttrici del rinnovamento e con le esigenze delle singole comunità. Durante gli anni della sperimentazione ha elaborato gli itinerari per l’iniziazione cristiana di fanciulli e ragazzi, in collaborazione con i catechisti e sacerdoti diocesani che hanno messo a disposizione la loro sensibilità ed esperienza.