Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Vita consacrata e il nuovo ambiente digitale

Sfide e opportunità formative

Pubblicazione:  10 aprile 2017
Edizione:  1
Pagine:  232
Collana:  F8 Teologia spirituale
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
Prefazione di:  Paolo Martinelli
Altri autori:  Contributi di Pina Riccieri  -  Contributi di Charles Alphonse  -  Contributi di Mario Pollo  -  Contributi di Tonino Cantelmi  -  Contributi di Anna Rita Colasanti  -  Contributi di Bruno Secondin  -  Contributi di Johannes B. Freyer  -  Contributi di Carlo Maria Zanotti
EAN:  9788810968338 9788810968338
Descrizione
La capacità di guardarsi negli occhi nell’era digitale è diventata un’arte in via di estinzione. Che cosa è successo alla specie umana durante gli ultimi vent’anni, cioè da quando cellulari e tablet hanno assunto un posto sempre più centrale nella nostra vita da diventare quasi indispensabili? Qual è stata la reazione educativa della Chiesa e, in particolare, della formazione alla vita consacrata a questa metamorfosi socio-tecnologica? E quale sarà il futuro della dimensione contemplativa in una società caratterizzata dai new media? Lontano da qualunque approccio apocalittico, il libro approfondisce il tema in modo critico, differenziato e aperto, evitando di presentare solo i rischi e le apparenze del mondo virtuale. L’intento della pubblicazione e il suo tratto più originale consistono, infatti, nel presentare la comunicazione digitale in modo propositivo, educativo e capace di guardare in modo specifico alle sfide e alle opportunità per la formazione alla vita consacrata.
Sommario
Sigle e abbreviazioni.  Prefazione (P. Martinelli).  Nota introduttiva dei curatori. 
I. La comunicazione digitale: un nuovo ambiente per la formazione. 1. La comunicazione digitale: un nuovo ambiente per la formazione alla vita consacrata (
P. Riccieri).  2. Formare a un sano rapporto tra vocazione e uso dei media. Tavola rotonda.  3. I social media: una sfida crescente per la formazione alla vita consacrata
(
C. Alphonse).  II. Implicazioni antropologiche e psicologiche del mondo digitale. 4. Il sacro e la ricerca di senso nell’era dei social network. Un approccio di psicopedagogia culturale (M. Pollo).  5. Vita consacrata in una società liquida: quale costruzione dell’identità umana e spirituale? (T. Cantelmi).  6. Diagnosi e terapia della dipendenza da internet (A.R. Colasanti).  III. Ripensare la formazione spirituale nell’era digitale.
7. «Ecco, ho aperto davanti a te una porta…» (Ap 3,8). Esperienza spirituale nell’era digitale: riflessioni teologiche, ecclesiologiche, antropologiche (
B. Secondin).  8. «Respondet». L’attinenza fra mondo digitale e spiritualità (J. Freyer).  9. Conclusioni. Vocazione e connessione digitale. Sfide e opportunità formative (C.M. Zanotti).  Bibliografia essenziale.
Note sull'autore
Albert Schmucki, frate minore, è professore aggiunto di Psicopedagogia della vita spirituale all’Istituto Francescano di Spiritualità della Pontificia Università Antonianum, del quale è vice-preside con l’incarico di moderatore del Master in formazione. È docente anche all’Istituto di Psicologia della Pontificia Università Gregoriana. Per EDB ha pubblicato saggi in volumi e ha curato Formazione francescana oggi. Corso di teologia spirituale 11 (2012) e, con Paolo Martinelli, Fedeltà e perseveranza vocazionale in una cultura del provvisorio. Modelli di lettura e proposte formative (2014). Donatella Forlani è professore invitato all’Istituto francescano di spiritualità della Pontificia Università Antonianum. Insegna anche all’Istituto superiore per formatori collegato all’Istituto di psicologia della Pontificia Università Gregoriana