Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Solo i sandali e il vangelo

Cronaca di una controversia tra un vescovo e il Vaticano. Prefazione di Alfio Filippi

Pubblicazione:  10 gennaio 2017
Edizione:  1
Pagine:  72
Collana:  P9 Lampi
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
Prefazione di:  Alfio Filippi
Altri autori:  Riveduto da Gabriella Zucchi
EAN:  9788810962480 9788810962480
descrizione
«Credo di aver parlato liberamente. Ratzinger sorrideva frequentemente. Io insistevo nel dichiarare che, grazie a Dio, non ho problemi di fede, benché abbia le mie discrepanze teologiche; né tantomeno ho problemi di comunione, sebbene dissenta su alcuni aspetti relativi alla disciplina».BANDELLA«L’udienza particolare con Giovanni Paolo II è avvenuta il giorno 21. Ed è durata circa quindici minuti. Dopo aver passato otto guardie, presentato quattro volte il “biglietto” della Prefettura della casa pontificia e attraversato cortili, corridoi e saloni. Il papa, con un gesto, mi ha invitato a parlare, seduti entrambi intorno a un tavolo.Ho avuto un colloqui coi cardinali Gantin e Ratzinger ed essi mi hanno fatto una serie di osservazioni. Lei ha senz’altro letto la lettera che le ho inviato, con le mie preoccupazioni e spiegazioni sul perché non ho compiuto la visita ad limina.Il papa assente.Sono qui per ciò che ritiene opportuno comunicarmi, aggiungo.Desidera che parliamo in portoghese. E lo parla con scioltezza da vero poliglotta».BANDELLA
note sull'autore
Pedro Casaldáliga (1928), catalano, dal 1971 al 2005 vescovo di São Félix do Araguaia, nel Mato Grosso (Brasile), teologo della liberazione, è poeta e autore di saggi. Durante la dittatura militare è stato ripetutamente minacciato di morte e ha rischiato l’espulsione. Richiamato dalla curia vaticana per non essersi recato in visita ad limina che i vescovi devono compiere a Roma ogni cinque anni, nel gennaio 1986 inviò una lettera a Giovanni Paolo II e venne ricevuto in Vaticano nel giugno 1988 dai cardinali Ratzinger e Gantin e dallo stesso Wojtyla. Le televisioni parlarono di «imposizione del silenzio» al vescovo brasiliano. Dopo l’ammonizione della curia romana, il racconto della visita a Roma di Casaldaliga offre lo spaccato della sensibilità ecclesiale latino-americana negli anni del pontificato di Giovanni Paolo II.