I Pranzi dei santi

Pratiche alimentari e ascesi nel monachesimo tardoantico

Pubblicazione:  11 luglio 2016
Edizione:  1
Pagine:  80
Peso:  90 (gr)
Collana:  P6 Lapislazzuli
Formato:  110x180x6 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto da Giovanni Cerro
EAN:  9788810558737 9788810558737
€ 8,50 € 7,23
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,27 ogni copia
Descrizione
La pratica del digiuno e le scelte alimentari rivestono un’importanza fondamentale per la storia del movimento monastico nella tarda antichità, nonostante la carenza delle fonti materiali e il fatto che cibo e bevande possiedono un significato simbolico non univoco, bensì continuamente rimodulato, anche all’interno di uno stesso contesto culturale e religioso.
In merito alla pratica ascetica del digiuno l'autore prende in esame due esempi. Il primo riguarda Paolo il Semplice, che per essere accolto come monaco da Antonio viene sottoposto a diverse prove, in cui il cibo e l’acqua svolgono un ruolo centrale. Il secondo è un passo delle Confessioni in cui Agostino afferma di lottare «ogni giorno contro la concupiscenza del cibo e della bevanda» perché, a differenza dei «piaceri venerei», la gola è più difficile da tenere a freno. Dai due casi emerge che la sfida più importante degli asceti non consisteva nel reprimere il desiderio sessuale, come invece sostiene lo storico Peter Brown, ma nel controllare la fame e la sete. La categoria moderna di sessualità, dunque, sarebbe poco adatta per comprendere il fenomeno tardoantico dell’ascetismo.
Note sull'autore
Veit Rosenberger è professore di Storia antica all’Università di Erfurt e Visiting professor all’Università di Atlanta. Esperto di storia religiosa nel mondo antico e tardoantico, ha dedicato particolare attenzione alla funzione degli oracoli e della profezia nella cultura greca-romana e alla nascita e allo sviluppo del monachesimo. Ha pubblicato di recente Religion in der Antike (Wissenschaftliche Buchgesellschaft 2012).