Riflessi di bellezza

Arte e religioni, estetica e teologie

Pubblicazione:  gennaio 2007
Edizione:  1
Pagine:  192
Peso:  228 (gr)
Collana:  B6 Scienze religiose  sezione: Nuova serie
Confezione:  Brossura
EAN:  9788810415078 9788810415078
Ultima ristampa:  1 maggio 2007
€ 14,50

non acquistabile
Descrizione
Tra arte e religioni il legame non è nuovo. Nella reciproca implicazione dell’una e dell’altra, lungo i secoli della storia umana si sono consumati tra loro diversi modelli di rapporto, non sempre rispettosi dell’autonomia delle singole sfere. Oggi tuttavia è possibile incrementare le connessioni senza generare subalternità, anzi, il rapporto tra estetica e teologie, arte e religioni sta conoscendo una nuova era di stimoli reciproci che espandono il campo di creatività nei rispettivi saperi. Su questa ipotesi è stato pensato il convegno internazionale sul rapporto tra arte e religioni, estetica e teologie (Trento, 25-26.5.2005), di cui il volume presenta la documentazione. Esso ha privilegiato un’ottica interreligiosa, nella convinzione che nessuna tradizione religiosa possa appropriarsi in maniera esclusiva dell’esperienza estetica e del fatto artistico, ma che ciascuna possa invece testimoniare a proprio modo l’universalità del senso estetico e la sua adeguatezza a comunicare l’esperienza di fede.
Sommario
Prefazione (A. Autiero).  I. PRATICHE D'ARTE.  Elogio della follia. Divagazioni intorno a un quadro che amo (R. Laffranchi).  I sogni del giullare (S. Mair).  II. ARTE E RELIGIONI.  La parola fatta immagine. Considerazioni sull’estetica nel pensiero ebraico antico (G. Veltri).  Arte e visione alla luce dei Vangeli (A. De Santis).  Poesia e mistica in Islam (G. Scattolin).  III. SNODI, VISIONI, PROSPETTIVE.  L’arte della comunicazione cristiana della fede (P. Lia).  Teologia e arte nella società mediatica. Nuove immagini di un antico rapporto (G. Larcher).  Immagine e ombra: la dialettica dell’analogia alla base della capacità iconica (P. Giannoni).  Arte, verità e vita. Sulla relazione tra l’estetica e la filosofia della religione (M. Eckert).  IV. ESTETICA E TEOLOGIE.  Il bello – il vero – il sacro. Ricostruzioni filosofico-teologiche (W. Lesch).  Sentire per credere: soggettività estetica, rivelazione, fede. Alcune riflessioni conclusive (D. Zordan).
Note sull'autore
DAVIDE ZORDAN (1968-2015) ha ottenuto il dottorato in teologia presso l’Institut d’Études Théologiques di Bruxelles ed è stato   ricercatore presso il Centro per le scienze religiose della Fondazione Bruno Kessler. Ha insegnato teologia fondamentale al Corso superiore di scienze religiose di Trento. I suoi studi hanno riguardato in particolare l’estetica teologica e le dinamiche del credere nel contesto contemporaneo.