Dialogo delle religioni e autocomprensione cristiana

Pubblicazione:  gennaio 2007
Edizione:  1
Pagine:  136
Peso:  204 (gr)
Collana:  B3 Nuovi saggi teologici
Formato:  140x215x11 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto da Ferdinando Sudati
EAN:  9788810405826 9788810405826
Ultima ristampa:  1 marzo 2007
€ 14,50

non acquistabile
descrizione
«Il dialogo non chiede la cancellazione della propria identità. Quello che esige è unicamente mantenerla aperta, permeabile e recettiva: semper reformanda, sempre disposta alla riforma. L’esperienza dimostra che ogni avanzamento nella comunione danneggia solo le identità narcisiste, mentre arricchisce la vera identità. Questa non risiede mai in un passato morto, bensì davanti, nel futuro di Dio, che è sempre un richiamo alla conversione e una promessa di maggiore pienezza. A questa dialettica vuole obbedire il titolo del libro, che parla di dialogo e di autocomprensione: di dialogo delle religioni, senza privilegi né imposizioni aprioristiche; a partire dall’autocomprensione cristiana, come luogo reale in cui tendere, fraternamente e apertamente, la mano dell’offerta e dell’accoglienza di fronte alla comune speranza» (dalla Prefazione). La questione del dialogo e dell’incontro tra le religioni del mondo è oggi una delle più attuali e dibattute. A partire dalla prospettiva teologica l’autore affronta con intelligenza e acutezza l’arduo e complesso tema del rapporto tra il cristianesimo e le altre fedi, attraverso un’impostazione originale e insieme di grande equilibrio.
sommario
Presentazione (F. Strazzari).  Prefazione.  INTRODUZIONE.  1. Il quadro generale.  2. La nuova situazione.  3. I nuovi approcci a partire dalla teologia.  I. LA «PARTICOLARITÀ» COME NECESSITÀ STORICA.  1. L’attuale radicalità del problema.  2. Il (presunto) silenzio di Dio: cur tam sero?  3. La (presunta) “elezione” di Dio: cur tam cito?  II. PIENEZZA E DEFINITIVITÀ DELLA RIVELAZIONE CRISTIANA.  1. L’autocomprensione cristiana e la questione del pluralismo.  2. “Universalismo asimmetrico” e “pienezza” cristiana.  3. “Teocentrismo gesuanico” e definitività cristiana.  III. L’INCONTRO FRA LE RELIGIONI.  1. Tutte le religioni sono vere.  2. Il nuovo clima del dialogo.  3. La “inreligionazione” come modo dell’incontro.  4. Prospettive.  5. Una parabola come finale.  Bibliografia recente in italiano.
note sull'autore
ANDRÉS TORRES QUEIRUGA, nato nel 1940, è dottore in filosofia (Università di Santiago de Compostela) e in teologia (Pontificia Università Gregoriana). Dal 1968 al 1987 ha insegnato teologia fondamentale all’Istituto teologico compostelano e attualmente è docente di filosofia della religione all’Università di Santiago; ha tenuto corsi anche in Messico e in Brasile. Tra le sue opere, Recuperar la salvación, Santander 21995, La revelación de Dios en la realización del hombre. Madrid 1987 (trad. it. Roma 1991), Creo en Dios Padre, Santander 51998 (trad. it. Casale Monferrato 1994), ¿Qué queremos decir cuando decimos “infierno”?, Santander 1995 (trad. it. Vicenza 2002), Repensar la Cristología. Ensayos hacia un nuevo paradigma, Estella 1996; Recuperar la creación. Por una religión humanizadora, Santander 32001. Presso le EDB ha pubblicato Ripensare la Risurrezione. La differenza cristiana tra religioni e cultura (2007).