« Io sto in mezzo a voi»

Il prete e la sua comunità. Presentazione di mons. Giovanni Giudici

Pubblicazione:  28 giugno 2010
Edizione:  1
Pagine:  120
Peso:  134 (gr)
Collana:  H2 Carlo Maria Martini
Formato:  110x185x7 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Inchiostrato o colorato da Giovanni Giudici
EAN:  9788810108857 9788810108857
€ 9,90 € 8,42
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,48 ogni copia
Descrizione
Il rapporto che lega il prete alla sua comunità costituisce una delle esperienze più forti e coinvolgenti a livello umano e spirituale. Nel corso del suo episcopato, il cardinale Carlo Maria Martini ha consegnato pagine molto significative su questa relazione, che è sì dono, ma insieme va cercata e rinnovata sempre. Essa viene proposta attraverso alcuni grandi temi: dalla predicazione alla direzione spirituale, dal ministero di presidenza dell’eucaristia e del sacramento della riconciliazione ai valori della fratellanza, della carità e della ricerca dell’unità. Ci sono delle conversioni e dei cambiamenti reali che vengono richiesti al sacerdote nel momento in cui gli viene affidata una comunità. Pertanto, ci si può chiedere: a quale conversione è chiamato un parroco? Che cosa comporta l’ufficio di presidenza? Che cosa significa essere collaboratore della vita e della gioia dei fedeli? «Io sto in mezzo a voi come colui che serve» (Lc 22,27): vengono qui indicati un principio, una meta, una sfida per il prete di ogni tempo, anche per il prete di oggi. Il volumetto offre riflessioni, spunti pastorali e orientamenti operativi.
Sommario
Presentazione (mons. G. Giudici).  1. A quali conversioni è chiamato un sacerdote quando diventa parroco?  2. Esiste un itinerario di maturazione spirituale nel ministero?  3. Educatori e medici in una società smarrita.  4. Quale stile per i presidenti delle comunità parrocchiali della città.  5. Ricentrare il ministero su Parola, eucaristia, testimonianza.  6. La duplice natura dell’azione pastorale della Chiesa.  7. La celebrazione eucaristica culmine dell’evangelizzazione.  8. Fare unità nella coscienza del credente e del pastore.  9. Firmavit faciem suam (Lc 9,51).
Note sull'autore
CARLO MARIA MARTINI (Torino 1927), gesuita, cardinale, arcivescovo emerito di Milano, è personalità di spicco nel panorama cattolico italiano e internazionale, e figura di riferimento nel dialogo ecumenico e interreligioso. Laureato in teologia e Scrittura, è stato docente di critica testuale al Pontificio Istituto Biblico, rettore dello stesso e della Pontificia Università Gregoriana; è accademico onorario della Pontificia Accademia delle Scienze. È stato presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee (CCEE) dal 1987 al 1993. Ha fatto parte della Commissione interconfessionale che ha elaborato il testo critico del Nuovo Testamento. Attualmente ha ripreso gli studi biblici, vivendo fra l’Italia e Gerusalemme. Ha pubblicato innumerevoli saggi scientifici, libri sugli esercizi spirituali, discorsi e lettere pastorali. Durante il suo episcopato a Milano (1980-2002) le EDB hanno pubblicato annualmente i testi dei suoi interventi pastorali, saggi di particolare rilievo come Per un'etica della pubblica amministrazione (1992), nonché Parola alla Chiesa, Parola alla città (22009) che raccoglie tutte le lettere e i programmi pastorali diocesani e tutti i discorsi rivolti alla città di Milano in occasione della solennità di sant’Ambrogio. Per l’anno sacerdotale hanno inoltre pubblicato Il tesoro dello scriba. La spiritualità del prete (2010).